Offerta Patronato

Tramite i ns. servizi, totalmente gratuiti, aiutiamo l'integrazione tra cittadini italiani e polacchi e la cooperazione tra le Istituzioni dei due Paesi. 

Con due giorni di anticipo, l'Inps ha pubblicato il modulo per fare domanda per il reddito di cittadinanza.Si tratta di un modello composto di nove pagine, composta da quattro per la spiegazione e cinque per i dati da compilare. All'interno, sono presenti numerosi avvertimenti sui potenziali beneficiari di reddito e pensione di cittadinanza. Contrariamente a quanto previsto, l'Inps non ha dato notizia della pubblicazione del modulo. La domanda "potrà essere inviata a partire dal 6 marzo per avere i primi accrediti sulle apposite card dalla metà di aprile". COSA SI CHIEDE: le richieste per presentare domanda e ottenere il reddito sono molte. Innanzitutto, come ovvio, è necessario il rispetto dei requisiti di legge per il sussidio. Ma oltre al rispetto dei requisiti, la persona che fa domanda deve dichiarare di aver compreso pienamente tutti i passaggi necessari, i motivi di decadenza dal diritto al reddito e le sanzioni. Fra i requisiti, si richiede l'auto-dichiarazione di cittadinanza, di residenza in Italia da almeno 10 anni e con almeno due anni consecutivi e l'eventuale permesso di soggiorno. Dal punto di vista reddituale, oltre alla dichiarazione sostitutiva unica ai fini Isee, si deve specificare che nessuno, all'interno del nucleo familiare, sia in possesso di automobili o moto nuove o di grossa cilindrata, e si chiede l'entità e la quantità di rate dell'eventuale mutuo sulla prima casa. Inoltre, nel modulo si ricorda che l'entità del beneficio offerto dallo Stato sarà "rimodulata" in caso "di esaurimento delle risorse disponibili". . .. . .

LE SEDI CONSOLARI Cancelleria consolare presso l'Ambasciata d'Italia a Varsavia (aperta al pubblico ogni giorno, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 12.00) pl. Dąbrowskiego, 6 00-055 Varsavia Tel.: +48 22 826 34 71 Fax.: +48 22 827 18 21 e-mail: consolare.varsavia@esteri.it Posta Elettronica Certificata (PEC): amb.varsavia.pass@cert.esteri.it Sportello Visti: visti.varsavia@esteri.it Sportello Stato civile e Anagrafe Consolare: statocivile.varsavia@esteri.it / anagrafe.varsavia@esteri.it Sportello Passaporti: passaporti.varsavia@esteri.it PEC passaporti: amb.varsavia.pass@cert.esteri.it Sportello Assistenza Connazionali, Notarile, Navigazione: notarile.varsavia@esteri.it La rete consolare onoraria italiana in Polonia Wrocław/Breslavia Console onorario: Monika Przemysława Kwiatosz Indirizzo della sede: Plac Kosciuszki 10/1 50-028 Wrocław Tel.: 0048 795 413 015 e-mail: wroclaw.onorario@esteri.it / consolatoitaliano.wro@gmail.com Decreto di limitazione di funzioni Cracovia Console onorario: Katarzyna Likus Indirizzo della sede: Rynek Główny,12 - 31-042 Cracovia (orario di apertura al pubblico: lunedì e mercoledì dalle ore 11 alle ore 13) Tel. : +48 12 617 02 08 e-mail: cracovia.onorario@esteri.it Decreto di limitazione di funzioni Gdynia Console onorario: Claudia Filippi-Chodorowska Indirizzo della sede: ul.Chopina 4, 81-407 Gdynia (orario di apertura al pubblico: il lunedì e giovedì dalle 10.00 alle 13.00) Tel. / Fax: 0048 58 620 15 61 e-mail: gdynia.onorario@esteri.it Decreto di limitazione di funzioni Poznań Console onorario: Karolina Wojciechowska Pinna Indirizzo della sede: ul. Poznańska 14A, 62-005 Owińska (Poznań) (orario di apertura al pubblico: il lunedì e giovedì dalle 10.00 alle 12.00, altri giorni previo appuntamento telefonico) Tel.: 0048 514 09 80 88 Fax: 0048 61 66 60 259 e-mail: poznan.onorario@esteri.it Decreto di limitazione di funzioni Stettino Console onorario: Angelo Rella Indirizzo della sede: Aleja Wojska Polskiego 65, 70-478 Szczecin (orario di apertura al pubblico: martedì e giovedì dalle ore 10 alle ore 12) Tel.: 0048 692 061 010 email: stettino.onorario@esteri.it Decreto di limitazione di funzioni Corrispondenti consolari Bielsko-Biala Corrispondente consolare: Riccardo Salmeri Indirizzo della sede: ul. Bohaterow Warszawy 26, Bielsko-Biala Tel.: 0048 33 816 40 68 Zielona Gòra Corrispondente consolare: Giulio Piantini Indirizzo lavoro: ARCOBALENO ul. Kwiatowa 5, 66-016 Zielona Gora Tel.: 0048 68 327 81 09 Fax: 0048 68 327 86 44 Zamość Corrispondente consolare: Anna Kaczmarczyk Indirizzo della sede: ul. Chyża 58, 22-400 Zamość Tel.: 0048 604 661 041 email: leucaspis@gmail.com ; anek7@inwind.it .

... . .

L 'ITAL-UIL POLONIA è pronta ad indicare opportunità e soluzioni migliori per :

VERIFICA DEL DIRITTO ALLA PENSIONE

  • Tekst
  • Tekst

DICHIARAZIONI REDDITUALI ON-LINE PER PENSIONATI RESIDENTI IN POLONIA

ELIMINAZIONE DELLA DOPPIA TASSAZIONE - CUD - Obis-M

  •  

INTERVISTA / PIANO FORMATIVO 2019: un impegno completo. lntervista al Direttore Maria Candida Imburgia

Direttore, anche per il 2019, l’Ital ha messo a punto un piano formativo molto dettagliato. Uno dei due slogan che campeggiano sulla copertina del documento si riferisce a un proverbio cinese: “Imparare è come remare controcorrente: se smetti, torni indietro”. Immagino che tu lo abbia scelto proprio per sottolineare e confermare quanto la formazione sia strategica per il nostro Patronato.

È proprio così. Una formazione e un’informazione omogenea e continua a livello nazionale sono necessari per elevare la qualità dei servizi erogati. A questo scopo, non si può prescindere da una costante crescita professionale dei nostri operatori. Solo così si può migliorare l’efficacia e l’efficienza dei nostri uffici, in termini di qualità e di quantità dell’attività prodotta. Nel 2019, la formazione punterà all’approfondimento sia delle tematiche già affrontate negli anni precedenti sia delle novità normative introdotte nei vari campi di interesse dell’azione dell’Ital. Inoltre, abbiamo programmato anche alcune giornate di incontro tra gli operatori della sede centrale e quelli che lavorano sul territorio, per uno scambio di informazioni e per una crescita comune. Ci si potrà confrontare, così, sulle questioni che emergono con maggior frequenza nello svolgimento dell’attività quotidiana, al fine di acquisire gli strumenti idonei a fornire risposte sempre più complete e puntuali al cittadino. 

Come sarà strutturato questo percorso formativo?

Nelle sue linee generali, in riferimento alla metodologia di somministrazione e alla tipologia, la formazione sarà fatta sia in aula sia a distanza. Inoltre, avremo la formazione per gli operatori all’estero e una serie di eventi e seminari. Quella in aula prevede corsi di specializzazione monotematici e corsi per il costante aggiornamento degli operatori sul territorio. La formazione a distanza, invece, sarà svolta attraverso la piattaforma Skype con cadenza mensile. Analoghi percorsi sono previsti per la formazione degli operatori all’estero. Infine, anche quest’anno, verrà replicata la Conferenza Formativa e sarà organizzata la Consulta dei legali.

Il nuovo anno è appena cominciato e, concretamente, la stagione formativa è già entrata nel vivo, con una tua presenza diretta sul territorio. Quale Regione ha fatto da apripista?

Abbiamo dato inizio alla stagione formativa nei territori, con la presenza di rappresentanti della sede centrale, accogliendo l’invito del Molise. È una delle Regioni più piccole eppure, al tempo stesso, è un emblema dei problemi del Paese e, soprattutto, delle esigenze e delle aspettative concrete dei lavoratori, dei pensionati e dei cittadini a cui siamo chiamati a dare le nostre risposte e il nostro aiuto. Sono state due giornate dedicate allo studio e all’approfondimento, tra l’altro, di alcune novità introdotte dalla legge di bilancio e dai provvedimenti in materia previdenziale.

A quest’ultimo proposito, è giusto ricordare che l’Ital è già a disposizione dei cittadini per un’assistenza qualificata sulla cosiddetta “Quota 100”. In cosa consiste questa iniziativa? 

È molto semplice. Ci accingiamo a raggiungere, tramite mail o sms, tutte le persone che abbiamo già assistito e dalle quali siamo stati autorizzati a ricontattarli, per ricordare loro che potrebbero essere nella condizione di beneficiari del provvedimento in questione. Noi siamo a disposizione per verificare, insieme a loro, se sono realmente destinatari di questa nuova misura pensionistica oppure se possono avvalersi delle altre opzioni per il pensionamento previste dalla legge. Chi desidera essere informato su queste novità, capire qual è la propria posizione contributiva, valutare la possibilità di accesso alla pensione ed effettuare una stima dell’importo che potrebbe ricevere, potrà recarsi presso uno dei nostri uffici che gli indicheremo direttamente, per l’appunto, tramite mail o sms.

Un’ultima domanda. Sempre in questi giorni, a ulteriore conferma del grande dinamismo del nostro Patronato, ha già preso il via un altro importante corso di formazione: quello rivolto agli Operatori locali di progetto del servizio civile, i cosiddetti OLP. Di cosa si tratta?

Quella dell’OLP è una figura molta importante. Questi operatori, infatti, devono indirizzare nella loro attività i ragazzi impegnati nel servizio civile e offrire loro conoscenze specifiche sulle questioni che dovranno affrontare quotidianamente. Potremmo dire, dunque, che questo corso ha l’obiettivo di ‘formare i formatori’. La formazione che l’OLP offrirà ai giovani servirà a comunicare e a trasferire saperi e conoscenze. Il servizio civile rappresenta per l’Ital un valore aggiunto. Questi ragazzi hanno scelto il nostro progetto e anch’essi saranno chiamati ad assistere i cittadini, in particolare, mettendo a disposizione le loro competenze informatiche a supporto delle prestazioni tipiche del Patronato. Se ben seguiti e indirizzati dall’OLP e da tutti gli operatori della sede che li accoglieranno, avranno l’occasione per mettersi in gioco e dare un contributo importante, dal punto di vista umano e professionale, all’obiettivo ultimo del Patronato: l’aiuto agli altri.

Chiudi il menu
it_ITItalian
pl_PLPolish it_ITItalian